L’operazione “Mare Sicuro” della Capitaneria di Porto di Venezia

Estate di lavoro per la Capitaneria: tre annegati e 44 soccorsi navali
I dati riguardano tutta l’area veneta di competenza. Sette illeciti penali accertati, 160 persone soccorse, 19.929 controlli in mare e sulle spiagge

bibione_capitaneria_guardia_costieraSette illeciti penali accertati, 160 persone soccorse, 44 mezzi navali assistiti, 19.929 controlli in mare e sulle spiagge, 368 illeciti amministrativi accertati, tre decessi per annegamento o incidente in mare: è questo il bilancio dell’attività svolta dalla capitaneria di Porto di Venezia nel corso dell’estate 2013.

L’operazione “Mare Sicuro”, iniziata il 24 giugno e terminata l’8 settembre scorso, ha interessato tutto il litorale, che si estende per circa 140 km. di costa, dalla foce del fiume Tagliamento fino al Po di Goro, comprensiva delle acque del Lago di Garda, ed ha visto impiegati 20 unità navali fra motovedette e battelli veloci, e circa 130 militari degli Uffici marittimi di Venezia, Chioggia, Jesolo, Caorle, Bibione e Salò.

La direzione Marittima di Venezia ha rilasciato 402 Bollini blu alle unità da diporto in navigazione per le dotazioni di sicurezza e dei documenti di bordo.

da ansa.it