A piedi per Bibione 2015

Torna “A piedi per Bibione”, la storica manifestazione sportiva arrivata alla ben 38esima edizione: un intero weekend di mare e sport che si svolgerà dall’1 al 3 maggio prossimi, perfetto per godersi questa kermesse podistica internazionale non competitiva a passo libero.

Come le scorse edizioni, vari sono i percorsi che terranno impegnati provetti (e non) marciatori: si parte da una lunghezza di 6 km (adatta a tutti, in quanto si snoda su porfido o su asfalto) fino ad arrivare ad un massimo di 26 km (anche attraverso pinete, viali alberati, strade private e così via).

L’1 e 2 maggio i percorsi permanenti assistiti saranno quattro: 6, 11, 16, e 24 km, con inizio dalle 8.00 e conclusione alle 17.00.

Domenica 3 maggio, poi, si arriverà al programma completo ed alla marcia vera e propria, con ben cinque percorsi delineati: gli, appunto, 6-11-18-21-26 chilometri.

Il ritrovo per il fischio d’inizio è in Piazza Mercato (proprio a ridosso del Luna Park di Bibione), con orario di partenza dalle 9.00 alle 9.30; si concluderà con una gustosa premiazione (con stand gastronomici ad hov) e premi sorteggiati per tutti i partecipanti.

Come ogni anno, per quanto riguarda l’alloggio, vi saranno appartamenti messi a disposizione a prezzi convenzionati; c’è un contributo per tutti i percorsi senza riconoscimento e prevede: tesserati FIASP IVV 2,50 euro – non tesserati 3,00 euro.

Marcia A piedi per Bibione 2015

Convittiadi 2015 : Bibione ospita la nona edizione

Fino al 18 aprile, Bibione ed il suo esteso litorale ospitano le “Convittiadi”, speciali “Giochi di Gioventù” che vedono la partecipazione dei migliori studenti di convitti ed educantati italiani.

L’evento è arrivato alla sua nona edizione e si avvale di un programma fitto di sport: dal (naturalmente) beach volley al calcetto, al volley, al basket, al tennis, passando per gare di nuoto, tennis da tavolo e corsa campestre; allo stesso modo, non mancano gare di scacchi, calcio balilla etc.

Ma la creatività e la socializzazione sono i focus della manifestazione, per cui vi saranno esibizioni artistiche di recitazione, ballo e canto, il tutto per coinvolgere un’importante partecipazioni di 1.700 persone, tra studenti, accompagnatori etc.

Le “Convittiadi 2015” si svolgono a Bibione (con uso della piscina olimpica di Lignano Sabbiadoro) dall’11 al 18 aprile.

Bibione Convittiadi 2015

 

Bibione e Caorle : un tuffo nella natura col ponte ciclo-pedonale per Brussa e Valle Vecchia

Mentre i primi tiepidi raggi di sole pervadono questi ultimi mesi d’inverno, subito la mente divaga verso calde ed amene località, progettando con stile e desiderio le prossime vacanze estive.

Per cui, eccoci a pensare all’assolata e infinita spiaggia di Bibione, con il suo arenile di finissima sabbia a scorrere lieta tra le dita, come eterei granelli fluenti nella sinuosa clessidra del tempo.

Ma Bibione non è solo spiaggia immensa e mare splendido, ma una località balneare che prospetta una vacanza indimenticabile per tutta la famiglia, anche per quanto riguarda la natura e le escursioni in questi augusti habitat.

A questo proposito, non si può non parlare dell’incontaminata Valle Vecchia di Brussa, che, con le sue distese bucoliche al caldo tepore, ricorda paesaggi fiabeschi ed esotici.

Dal gennaio dello scorso anno, finalmente, è stato aperto il ponte ciclo-pedonale che permette a Bibione e Caorle di unirsi, rispettivamente, in località Prati Nuovi e Bacino Villa, proseguendo, quindi, per la già preannunciata Valle Vecchia.

In questo modo, è possibile percorrere a piedi od in bici un percorso naturale in pieno rispetto dell’ambiente, beandosi delle bellezze di questo luogo da favola e della sua fauna e flora, un tesoro da contemplare e da proteggere strettamente….

Bibione Caorle pista ciclabile Valle Vecchia Brussa

Le spiagge del Veneto approdano a Berlino con un “Temporary Store”

TURISMO. TEDESCHI IN CODA PER IL VENETO A BERLINO

Bibione temporary store BerlinoIn coda per il Veneto, a Berlino. E’ accaduto ieri sera in Torstraße, nel quartiere Mitte della capitale tedesca, in occasione dell’inaugurazione del Temporary Store, realizzato dalla Regione assieme ai Consorzi di Promozione turistica del Veneto, che resterà aperto fino al 25 maggio prossimo.

L’iniziativa, proposta con lo slogan “Venetien. 80 Tage, um es kennenzulernen. Ein ganzes Leben, um es zu lieben” – Veneto, 80 giorni per conoscerlo. Una vita intera per amarlo, vuole offrire una ulteriore occasione di approfondimento della regione italiana più amata dai turisti, ricca di storia, cultura, arte, eventi ed enogastronomia di eccellenza.

“Ci stiamo rivolgendo ai nostri ospiti più affezionati – ha ricordato l’assessore Marino Finozzi all’apertura del Temporary Store – dal momento che dei 16 milioni di turisti che hanno scelto il Veneto come meta nel 2013, oltre 2,3 milioni sono giunti dalla Germania, generando quasi 14 milioni di pernottamenti: quasi un quarto del totale regionale”. E l’interesse dei berlinesi e degli altri ospiti della città ha corrisposto alle migliori aspettative: pienone dentro e fuori i locali dove vengono proposte le offerte turistiche e assaggi delle specialità agroalimentari venete.

Qui, tutte le settimane, da lunedì a sabato, dalle 10 alle 22, presenterà in ottanta giorni le sue proposte più avvincenti: Si parte dalle spiagge (dal 10 al 15 marzo Bibione e Caorle, dal 17 al 22 Jesolo e Cavallino, dal 24 al 29 Chioggia, Sottomarina e il Delta del Po) per passare poi, dal 31 marzo al 12 aprile, a Golf in Veneto, Primavera del Prosecco, Roar in Veneto, la Biennale d’Arte di Asolo, la Treviso Marathon 2015, la Pedemontana e Colli Trevigiani.

Dal 14 al 19 aprile saranno presentate le Città murate, la navigazione fluviale, i prodotti tipici del padovano. Da lunedì 21 a sabato 26 aprile sarà la volta del territorio vicentino con cicloturismo, itinerari di pace e grappa. Seguirà , dal 28 aprile al 10 maggio, il territorio scaligero con la sua enogastronomia, il Lago di Garda, sport acquatici, ciclismo, l’Arena di Verona, Gardaland, Natura Viva Park e il meraviglioso Giardino di Sigurtà. Il Gran teatro la Fenice di Venezia sarà invece protagonista della settimana dal 12 al 24 maggio, giorno della chiusura del temporary Store, assieme alle Terme, alla cultura e all’enogastronomia.

comunicato stampa

Mistero storico a Bibione : pescatore trova un femore umano in mare

Giallo a Bibione, pescatore trova ossa umane in mare aperto
La Procura di Pordenone ha chiesto di compiere accertamenti su un misterioso ritrovamento avvenuto venerdì pomeriggio

Bibione mare ossa umaneLa Procura di Pordenone ha chiesto di compiere accertamenti su un misterioso ritrovamento avvenuto venerdì pomeriggio in mare aperto a Bibione, nel Veneziano.

Luigino De Lorenzi, 62 anni, pescatore, si è presentato alla caserma dei carabinieri di via Maja con un osso della lunghezza di 45 centimetri. Pare si tratti di un femore.

Secondo i primi accertamenti potrebbe trattarsi del reperto di un soldato della prima guerra mondiale che combatteva sul fronte orientale. Lo si apprende da fonti investigative.

Il pescatore ha portato subito il reperto ai militari. Reperto che è stato trattenuto dai militari dell’Arma bibionesi per le successive analisi disposte dall’autorità giudiziaria di competenza. Ieri è giunta l’indiscrezione che un po’ anche gli stessi carabinieri attendevano.

L’ipotesi più attendibile è che l’osso appartenga a un soldato caduto su questo fronte durante la grande guerra. Proprio un’incursione aerea su queste terre, 99 anni fa, diede il via all’ingresso dell’Italia nella Prima guerra mondiale, con un assalto alla vicina isola di Porto Buso, nel territorio di Grado.

da messaggeroveneto.gelocal.it

Bibione “smart city” ad Ecomondo 2013

In mostra i progetti per le smart cities
Bibione e Rimini esporrano ad Ecomondo i loro piani strategici per rendere maggiormente sostenibile lo sviluppo urbano e migliorare la qualità della vita

di Stefania Marra

bibione_ecologia_minibus_elettriciNell’ambito di Ecomondo, la fiera della sostenibilità che si terrà a Rimini dal 6 al 9 novembre, una grande importanza è data al filone della sostenibilità urbana, con una sezione dedicata alle smart cities.

Nell’area Città sostenibile, che ha anche un sito web dedicato, verrà realizzato il Laboratorio delle Innovazioni, un concentrato di applicazioni e di prodotti innovativi nei settori della costruzione sostenibile, della domotica , dell’efficienza energetica, dell’illuminazione, dei biomateriali e della mobilità.

Numerosi i progetto presentati, e tra questi il piano di sviluppo della località turistica di Bibione e quello della città di Rimini.

Il primo vede tra le iniziative prioritarie l’arrivo di servizi strategici quali il trasporto pubblico di persone con l’impiego di sistemi di trasporto ecologici e, nello specifico, minibus elettrici. Il progetto nasce dall’interesse degli operatori del comparto turistico della località di Bibione con l’obiettivo di dar corso ad iniziative commerciali che, attraverso progetti strategici di carattere strutturale, permettano una diversificazione dell’offerta legata alle attività ricettive; scopo finale è quello di portare ad un prolungamento della stagionalità, attraverso un’opportuna campagna di comunicazione mediatica.

Dalle indagini effettuate in ambito territoriale è emerso che i turisti hanno una maggiore propensione verso le località turistiche attente agli aspetti ecoambientali che, attraverso l’applicazione di sistemi di mobilità sostenibile, portino ad un miglioramento della qualità della vita.

Il progetto pilota prevede, per la stagione estiva 2014, l’effettuazione del servizio urbano con l’uso di due minibus elettrici, nonché la creazione di parcheggi di scambio dotati di apposite colonnine per la ricarica di auto elettriche e la disponibilità delle stesse per muoversi nell’ambito della località di Bibione (comune di S. Michele al Tagliamento).

Il padiglione della città di Rimini presenterà quattro temi sui quali si sta lavorando nel campo della sostenibilità per un nuovo benessere e per una nuova qualità dell’ambiente e della vita dei suoi cittadini residenti e temporanei. In primo luogo, il progetto di riqualificazione sostenibile della Rimini sotterranea, con l’adeguamento dell’impianto fognario e le azioni per la salvaguardia della qualità delle acque per la balneazione.

Sul tema della salvaguardia e valorizzazione della risorsa idrica e del patrimonio geomorfologico del territorio, Rimini sta dando inoltre avvio ad un percorso di “Contratto di fiume” che coinvolge tutti i 12 comuni della Valmarecchia in un progetto condiviso di sviluppo equilibrato.

Il terzo filone riguarda la realizzazione di interventi di riqualificazione e rigenerazione urbana nel lungomare, attraverso il progetto “Parco del Mare”. Altro tema riguarda un programma di attività per la promozione della mobilità attiva e la diffusione di una nuova cultura di disintossicazione dalle auto, con progetti che spaziano da un nuovo sistema di connessioni mediante percorsi ciclabili al rafforzamento del trasporto pubblico locale.

da tekneco.it

Turismo naturista sulle spiagge di Bibione, Lignano, Caorle ed Jesolo ?

Veneto, approvata la prima legge sul nudismo in spiaggia

Bibione spiaggia nudistiTutti nudi sulle spiagge di Jesolo, Bibione, Caorle, fino a Lignano Sabbiadoro. Il Veneto ha approvato la prima legge sul nudismo. La commissione Turismo, presieduta dal leghista Vittorino Cenci, ha infatti detto sì alla proposta di legge presentata dal consigliere Andrea Bassi (Ln) e sottoscritta da Dario Bond (Pdl) e Santino Bozza.

Un provvedimento volto a valorizzare il “turismo naturista” che sulla riviera veneta sta puntando molto. Il via libera era infatti atteso da molte associazioni di naturisti e in particolare in Veneto da Anaasfkk che per prima si è mossa in tal senso. Nel giugno 2011, l’associazione ha ottenuto dal comune di Jesolo l’utilizzo di una parte della laguna del Mort, intestandosi così la prima spiaggia naturista ufficiale in Veneto.

Dal punto di vista economico il turismo naturista apporta un indubbio vantaggio: con un volume d’affari in Europa di circa 700 milioni di euro, attualmente sono 600 le strutture adibite alla balneazione senza veli.

da blitzquotidiano.it

Il calendario “Le Pordenonesi” : scatti di sensuali modelle al faro di Bibione

Il sexy calendario delle pordenonesi
Procede spedita la realizzazione dell’edizione 2014 del calendario “Le Pordenonesi”, che per la prima volta ospiterà modelle da altre province e dal vicino Veneto. In anteprima sono stati divulgati alcuni scatti

di Rosario Padovano

faro_bibione_calendario_le_pordenonesi4Procede spedita la realizzazione dell’edizione 2014 del calendario “Le Pordenonesi”, che per la prima volta ospiterà modelle da altre province e dal vicino Veneto. In anteprima sono stati divulgati alcuni scatti che riguardano il tema “land art”, l’iterazione tra l’uomo (in questo caso le modelle) e la natura.

Corpo del soggetto fotografato e natura si fondono assieme grazie alla fantasia di Paolo Ciot e Piergiorgio Grizzo, che si sta cimentando con successo anche nelle mansioni di fotografo.

Anche alcune location sono state scelte fuori provincia, per allargare gli orizzonti e non passare, una volta tanto, per provinciali. Alcuni scatti sono stati realizzati in provincia di Udine, a Pulfero e sulle sponde del fiume Natisone.

Quelli più sensuali, sono stati realizzati nell’area attorno al faro di Bibione, e, pur con una luce contrastata, richiamano l’estate. Difficile stabilire se sono più belle le foto, le stesse modelle o gli scenari naturali in cui gli scatti sono stati ambientati. Il risultato è un calendario decisamente più sensuale dei precedenti, che non scade mai nella volgarità.

Le ragazze scelte per i primi 11 mesi sono state 15. Il calendario infatti deve essere completato, manca un ultimo tassello. Per l’ultimo mese, quello di dicembre 2014, gli organizzatori stanno pensando a una nuova selezione, da svolgersi in questi giorni, di almeno 4 modelle tra le quali verrà scelta quella più indicata per chiudere l’anno. Gli scatti scelti per il calendario pare siano 14: ai 12 mesi si aggiungeranno la copertina e la pagina di chiusura.

Poi potrà spiccare il “volo”, passando di mano in mano, di bar in bar, di edicola in edicola. Il calendario “Le Pordenonesi” vedrà le stampe a novembre e verrà presentato nella seconda parte del mese, al bar Pashà di San Vito al Tagliamento.

da messaggeroveneto.gelocal.it

Bibione : l’estuario del Tagliamento ospita una colonia di fenicotteri

Colonia di 1.500 fenicotteri sull’estuario del Tagliamento
A Bibione avvistati i volatili rosa. Molti naturalisti li stanno studiando. Le lagune del Veneto stanno diventando una tappa fissa per questa specie

fenicotteri_laguna_bibione_tagliamento_settembre_2013Una colonia di fenicotteri da circa tre giorni è ben visibile tra il Veneto e il Friuli. Si tratta di almeno 1500 esemplari che hanno letteralmente invaso una parte dell’estuario del fiume Tagliamento, diviso tra i comuni di Bibione e Lignano, e la Valle Grande, lo specchio d’acqua immenso della laguna bibionese.

Numerosi sono i curiosi che si fermano sulle piste ciclabili e fotografano questi splendidi esemplari di fenicotteri. La notizia è stata divulgata attraverso delle speciali fotografie apparse sul profilo facebook del Centro Ippico Valgrande, ovvero il maneggio che si trova all’ingresso della località di Bibione. Ma segnalazioni di fenicotteri si stanno registrando anche dai diportisti che sono soliti navigare in laguna in questo momento di bassa stagione balneare.

Secondo alcuni siti internet specializzati, che raccolgono le opinioni degli appassionati di fauna, anche nel 2012, precisamente nel mese di agosto, ci fu una migrazione di fenicotteri che si stabilirono sulla Valgrande e sulle isole che caratterizzano l’estuario del fiume Tagliamento. La Valle Grande, o appunto più semplicemente Valgrande, viene considerata dai bibionesi e non solo un angolo di paradiso.

Che i fenicotteri amino sempre di più il Veneto e le sue lagune è ormai dimostrato anche dalle continue migrazioni e soste in laguna di Venezia, a Torcello e nell’area del Pordelio.

da nuovavenezia.gelocal.it

Bibione e la palla di fuoco nei cieli del Nordest video

Bolide spaziale scatena il panico nel Nordest
Il meteorite ha illuminato il cielo a giorno ed è stato accompagnato da un forte rumore, quasi un boato. Decine di telefonate ai vigili del fuoco, che hanno fatto alzare un elicottero per perlustrare la zona di Roncade, dove alcuni testimoni hanno visto cadere un frammento. Animali inquieti

di Ugo Dinello

Avvistata una “stella bolide” sulle spiagge del litorale. Allarme e stupore questa notte alle 2.30 in tutto il Veneto orientale quando una gigantesca scia luminosa ha attraversato il cielo da ovest verso est. «Faceva anche un forte rumore», spiega un vigile urbano di Bibione che ha visto l’evento, «e in un primo momento ho pensato a un aereo che stesse esplodendo. Poi ho capito che era troppo alto e che si trattava di un meteorite. Ma è stato impressionante».

Anche a Portogruaro c’è chi ha notato il fenomeno. «È come se venisse dal Trevigiano», spiega un metronotte, «è stato davvero potente come fenomeno». In molti hanno chiamato i pompieri: chi parlando di un aereo in fiamme, chi di un missile, chi, impressionato dal rumore, di un meteorite caduto dietro casa. Di certo dalla spiaggia di Caorle si è vista benissimo. Ha illuminato il cielo quasi a giorno e provocato un lieve boato. Purtroppo nessuno è riuscito ad immortalarla.

Da parte loro i vigili del fuoco hanno avviato alcune ricerche, in base a un protocollo che va seguito in questi casi. Sono stati così allertati gli specialisti del Nucleo batteriologico chimico e radiometrico, che hanno compiuto misurazioni senza tuttavia trovare, almeno finora, evidenti anomalie. Anche un elicottero dei vigili del fuoco è stato fatto decollare verso le 14 da Tessera per perlustrare la zona di Roncade, dove alcuni testimoni hanno asserito di aver visto cadere un frammento del bolide.

Secondo alcuni allevatori della zona di Annone, invece, nella nottata gli animali da allevamento avevano mostrato segni di irrequietezza. Il gruppo di studio sulle meteore degli astrofili italiani spiega che il bolide è stato segnalato alle ore 2.12. Il meteoride è entrato nell’atmosfera sui cieli del mare Adriatico, con una velocità alquanto lenta. “Dopo un volo di quasi 5 secondi”, spiega Enrico Stomeo, esperto in meteoriti, “la meteora ha mostrato una prima grossa esplosione, che ha illuminato a giorno il cielo, seguita da altre minori in sequenza e dalla frammentazione del corpo”. “Nell’immagine – spiega Stomeo – è mostrata la somma di alcuni frame, escludendo quelli relativi al momento della brillantissima esplosione, che ha ovviamente saturato il campo ripreso”.

Quello dei meteoriti è uno tra i campi più affascinanti di tutta l’Astronomia e che coinvolge varie discipline, al punto che molti biologi sono convinti che la vita sul nostro pianeta sia stata portata proprio da un meteorite. Un piccolo “dizionario” è però necessario.

“Una meteora”, spiega Maurizio Eltri, uno tra i più grandi esperti mondiali di mateoriti, “è ciò che si vede, cioè il fenomeno nel cielo. Il corpo che causa la scia è invece il meteoroide. Il meteoroide con il suo ingresso nell’atmosfera causa la ionizzazione dell’aria e quindi la scia e il rumore. Se una meteora è molto luminosa si chiama bolide”.

Poi c’è quello che tutti sperano. “Vero”, sorride Eltri, “se il meteoroide tocca il suolo, almeno con qualche frammento che non venga consumato dall’attrito con l’atmosfera, allora quello è il meteorite, quello che tutti cerchiamo”.

Quello di questa notte non è un fenomeno usuale. “No – spiega Eltri – si è trattato di un fenomeno locale, cioè visibile entro un raggio di un centinaio di chilometri. Per la nostra zona è un fenomeno abbastanza raro: una tale luminosità qui non si vede spesso. Quello di stanotte è stato molto luminoso, al punto che ha solarizzato le riprese effettuate ed è risultato più luminoso, per intendersi, della luna piena e può essere quindi classificato come un super bolide”.

da nuovavenezia.gelocal.it